Agognate: area industriale dimezzata, soluzione di buon senso per tutti

13 marzo 2015, 16:22

Novara agognatemappe2La notizia, di cui da tempo si sapeva ma che è uscita pubblicamente grazie a un articolo su “La Stampa”, può essere letta in diversi modi. Ma, certamente, la riduzione della metà dell’area logistica che Vailog ha da tempo proposto all’amministrazione comunale (compresa quella passata) di realizzare su un’area compromessa dalla Cav ToMi ad Agognate è un importante successo per quelle associazioni ambientaliste che, attorno a ReteTerra, da tempo si battono per salvaguarda quel territorio.

Inizialmente il progetto riguardava 1,2 milioni di mq, poi ragionamenti e discussioni con il Comune l’hanno ridotto a 600 mila mq, di cui solo 232 mila destinati a fabbricati.  Se si guardasse “laicamente” alla cosa verrebbe da dire che le posizioni delle associazioni ambientaliste vengono salvaguardate. Se invece chi ha detto finora “no” continua a dirlo, magari con speciose motivazioni legate a un fantomatico consumo di suolo pregiato (o magari per attaccare l’amministrazione Ballarè), allora c’è davvero poco da dire: se è “no” per definizione, sempre e comunque, allora gli stessi ambientalisti si pongono al di fuori di ogni dialettica.

Anche perché la riduzione dell’area ha portato all’uscita di scena di uno dei proponenti (Cssc) ha tolto un altro motivo di critica agli oppositori. Se infatti, come era stato dichiarato da molti dopo l’audizione in commissione consiliare, la proposta di Vailog era basata su ipotesi concrete di insediamento, quella di Cssc era molto più fumosa. Tant’è che ReteTerra aveva sempre parlato di “speculazioni”. Ebbene, tutto si può dire del progetto-Vailog tranne che punti a speculazioni: la società costruisce solo se gli spazi sono già venduti a clienti. Quindi, a capannone alzato, si può partire con le assunzioni.

Insomma, quella che si è andata prospettando appare una soluzione di buon senso, in grado di portare sviluppo alla città senza danneggiare (se non il minimo sindacale…) l’ambiente.

Ah, già, c’è sempre che dice “no” a priori…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>