3l1l5

Muore bimbo di due anni, trovato impiccato il convivente della madre

15 marzo 2012, 18:38

Novara - Un bimbo di due anni e mezzo, Mirko Mocci, è stato trovato morto in un’abitazione di Sant’Antioco (Sulcis) attorno alle 8 di oggi. Sul suo corpo non ci sono tracce evidenti di violenze, ma la madre, Daniela Sulas, 22 anni, sporca di sangue, è stata aggredita dal suo convivente Igor Garau 30 anni, scultore che non era il padre del bambino. La donna, ferita a martellate alla testa, è stata soccorsa dal 118 e trasportata all’ospedale Sirai di Carbonia dove è ricoverata. I carabinieri, giunti nella casa, hanno subito dato il via alle ricerche di Garau: l’uomo è stato poi trovato morto impiccato nelle campagne di Sant’Antioco da un pastore che ha dato l’allarme ai carabinieri. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, la Sulas è stata aggredita dal convivente, nell’abitazione che i due condividevano. In camera da letto, appena sveglia e non vedendo il figlio, la donna ha chiesto al suo compagno «dov’è il bambino?» e si è sentita rispondere: «è in cucina». Quando ha raggiunto la stanza indicata, la ragazza è stata picchiata a colpi di martello da Garau, che è fuggito, lasciandola ferita e insanguinata.

Non è chiaro cosa abbia scatenato la furia dell’uomo, né se sia coinvolto nella morte del piccolo. Poco dopo testimoni del vicinato hanno riferito a carabinieri e vigili urbani di Sant’Antioco di aver sentito la donna urlare disperata e di averla vista sporca di sangue. Il bimbo, figlio di un altro uomo dal quale Sulas si era separata da poco, è stato trovato morto. Sul posto è intervenuto il medico legale che sta esaminando più accuratamente il corpo del piccolo, su cui non compaiono segni di violenza evidenti.