Insediamento di Agognate, seconda parte: la sinergia con il Cim

22 dicembre 2014, 13:29

Novara comoli2Ci sono affermazioni che, una volta ripetute di continuo, vengono assunte come verità, anche se magari non lo sono. E’ il caso, nell’ambito della vicenda-Agognate che sta arroventando il confronto politico a Novara, dell’affermazione che “Agognate diventerà il secondo interporto di Novara dopo il Cim”.

E’ un’affermazione che, detta così, può far pensare che ci sarà un qualcosa che andrà a far concorrenza al Cim. La realtà è tutt’altra: l’area di Agognate sarà complementare all’attuale interporto, offrendo sbocchi che il Cim oggi non ha. E magari riducendo l’impatto su altri territori (si legga Pernate). E’ un disguido semantico che rischia di falsare ogni ragionamento in materia.

E’ lo stesso presidente dell’Interporto, Maurizio Comoli (nella foto), a spiegare come stanno le cose, ricordando che già nel piano industriale delle sua società c’era l’idea di andare a raccordarsi con altre piattaforme connesse.

«L’idea forte di Agognate – afferma Comoli – è proprio quella di consentire un ragionamento complessivo in termine di logistica. Non c’è contraddizione, anzi ci sarà un’azione sinergica che non potrà che fare il bene della città. Occorre uno sviluppo armonico».

Non è nemmeno di ostacolo la distanza, per altro breve, tra le due aree: «Basti pensare che uno maggiori interporti d’Europa, quello di Rotterdam, si estende per 40 km, ma viene visto come un tutt’uno. Agognate e l’area del Cim sono praticamente a un passo, con i giusti collegamenti si può davvero pensare ad un unico interporto: al Cim si sviluppa di più la parte intermodale, ad Agognate i magazzini».

Il che non significa che al società guidata da Maurizio Comoli non pensi ad ampliarsi attorno alla sua sede attuale: «Ci sono attività che non si può non svolgere là dove ci sono i binari. Il che non significa che ci possano essere aggiustamenti e ripensamenti se Agognate dovesse diventare realtà a breve».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>