Nuovo ospedale, lettera di Diego Sozzani

30 agosto 2017, 11:43

Novara Sulla futura Città della salute di Novara riceviamo questa lettera da parte del consigliere regionale Diego Sozzani

Gentile Redazione,

sono a scrivervi perché molto preoccupato in merito all’evoluzione della situazione riguardante la Città della Salute di Novara. “Se la matematica non è un’opinione anche d’estate” il progetto, con la linea adottata dalla Giunta regionale guidata da Sergio Chiamparino, e difesa a spada tratta dall’Assessore alla Sanità Antonio Saitta, sarà gravato di ingenti costi extra, derivanti dagli onerosi interessi bancari da corrispondere a causa dell’utilizzo dell’erroneo strumento finanziario per il finanziamento dell’opera, il Partenariato Pubblico-Privato, cui sommare il compenso dell’inutile Advisor individuato per supervisionare un progetto già avvallato dal Ministero.

Inoltre, come già da me rimarcato nella Conferenza Stampa che ho indetto lo scorso 26 luglio sull’argomento, seguendo questa strada, si ritarderà notevolmente l’avvio del nuovo Polo Ospedaliero, nonostante la promessa pubblica dell’Assessore, che dichiarò la conclusione della gara d’appalto entro il 2017.
La mia proposta, volta a non sprecare risorse pubbliche, grazie alla fruizione di un mutuo presso la Società di Committenza Regionale, consentirebbe di ridurre notevolmente il canone a carico dell’Azienda Ospedaliera, ben al di sotto degli oltre 18 milioni di euro annui, e, soprattutto, consentirebbe un avvio immediato dell’opera.

La mia visione, di un ospedale completamente pubblico ad un costo sostenibile, e realizzabile nel più breve tempo possibile, è stata appoggiata anche dai Consiglieri regionali del nostro territorio di svariate fazioni politiche, evidenziando ancor più fortemente l’ormai insanabile distanza tra le politiche Torinocentriche della Giunta e le esigenze del nostro territorio, e apprendere dunque che durante il periodo estivo, in cui l’attenzione alla Cosa Pubblica è minore, è stata intrapresa la scelta di non cedere i terreni agricoli individuati per auto-finanziare l’opera, perseguendo nella incomprensibile strada intrapresa che rallenterà i lavori, e gioverà unicamente agli istituti di credito, è alquanto svilente.

Data l’importanza strategica del nuovo Polo Ospedaliero e Universitario per la nostra area, atteso da 13 anni, seguirò attentamente la vicenda e sarà mia premura provvedere a chiedere le dimissioni dell’Assessore se le tempistiche dichiarate non saranno rispettate, i novaresi sono stufi di ricevere dalla politica solamente giustificazioni e rinvii!

Avrà l’Assessore le idee chiare sulle reali necessità del Novarese?
Mi piacerebbe che il nostro territorio riesca a riottenere la dignità che merita!

Cordiali saluti – Diego Sozzani

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>