“CONvergenzeVisionarie”, offerte del Faraggiana

26 luglio 2017, 16:19

Novara I Visionari del Teatro Faraggiana hanno distribuito in tutta la città di Novara – e alcuni paesi limitrofi – dei biglietti che permetteranno a chi li troverà di assistere gratuitamente a uno spettacolo della rassegna CONvergenzeVisionarie oppure la possibilità di comprare l’abbonamento ridottissimo di 30 euro, offerta normalmente riservata agli spettatori under 30. Ci sono in media 100 biglietti omaggio per ogni spettacolo, rispetto ad una capienza del teatro di 450 posti. E’ un’iniziativa che rispecchia la filosofia del Faraggiana: il teatro è per tutti, anche per coloro che non ci sono mai entrati, che non ne hanno mai avuto l’occasione e che possono cogliere questa opportunità per fare un’esperienza nuova.

««Sui social – si legge in una nota-stampa –  si combatte la classica battaglia basata sul click, sulla rapidità di diffusione, ma non basta per portare fisicamente le persone a teatro, anche quelle che magari non usano i social. Da qui l’idea di fare qualcosa che si possa vedere, toccare e utilizzare. Una forma di pubblicità non invasiva, ma propositiva, perché si basa sul contatto diretto con le persone. Infatti, si sono rivolti a esercenti che lavorano a stretto contatto con il pubblico – tabaccai, farmacisti, benzinai, edicolanti, agenzie di viaggio, ottici e parrucchieri – e a ogni tipo di attività è stata dedicata una veste grafica unica che potrebbe stuzzicare un collezionista incallito. “Il teatro si vede meglio da vicino”, “il teatro fa bene alla salute”, “il teatro è un viaggio”. Principii che nascono dal primissimo motto dei Fondatori del Nuovo Teatro: “Il Faraggiana è anche Tuo.” Ne è stato ripreso lo spirito con la prima rassegna gestita interamente da ragazzi under 30, grazie all’iniziativa “L’Italia dei Visionari”. Un progetto ambizioso, che ha portato al Teatro Faraggiana una notevole quantità di bravi pensatori, che – dopo aver imparato a gestire le attività di un teatro, aver scelto gli spettacoli per la rassegna, aver definito la propria identità – si sono chiesti come coinvolgere più persone possibili in questo nuovo spazio creativo. La risposta è stata: spalancare le porte del teatro e invitare tutta la città».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>