Grazie a Rubini per la sua Carmen tradizionale

9 gennaio 2018, 16:02

Novara Grazie, grazie davvero a Sergio Rubini che, resistendo a facili tentazioni di agire secondo i dettami del political correct (spesso fasullo), ci ha regalato al Teatro Coccia, lo scorso autunno, una Carmen tradizionale, con il suo classico finale (don Josè, impazzito per amore, uccide Carmen). Grazie per non aver fatto come Leo Muscato che a Firenze ha cambiato il finale dell’opera: è Carmen a sparare al suo spasimante come atto contro il femminicidio. Un’operazione tesa a vellicare il facile consenso della gauche caviar, un’ipocrisia di cui avremmo volentieri fatto a meno. Qualcuno l’ha definita un’operazione di marketing (il che sarebbe anche peggio) visto che era stata preannunciata per tempo, ma forse non si è trattato neppure di quello, visto che nel suo complesso l’opera ha suscitato notevole entusiasmo tra gli spettatori per la bravura dei cantanti: semplicemente, il malinteso senso di voler inviare un messaggio e di piegare ai fatti del 2018 un’opera del 1875 che a sua volta si rifaceva a una novella del 1845.

Grazie Sergio Rubini per aver evitato un’eresia, una follia bella e buona: «L’artista non deve giudicare ma entrare nell’animo dei personaggi e dunque posso capire Don Josè che impazzisce per amore. Ma è chiaro che dico e dirò sempre no al delitto» aveva dichiarato durante la conferenza stampa di presentazione dell’opera (nella foto). Una follia che, purtroppo, ha avuto sponda in una dichiarazione di Teresa Megale, docente di storia del Teatro all’Università di Firenze, al Corriere della Sera: «Anche io il finale lo avrei cambiato e non solo in quanto donna ma perché anche i capolavori della lirica, come accade nel teatro dal ‘900 in poi, devono vivere lo spirito dei tempi» ha detto.

Che il Signore ci aiuti contro questi modernisti che, purtroppo, insegnano anche ai nostri figli.

Attilio Barlassina

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>