La Rivoluzione russa cent’anni dopo

12 ottobre 2017, 10:57

Novara La Rivoluzione russa arriva al Circolo dei lettori… cent’anni dopo. Il programma è suddiviso in tre temi: Uno sguardo dal presente, Aspettando la Rivoluzione, Nel segno della rivoluzione.

Uno sguardo dal presente sono gli appuntamenti al Circolo dei lettori. Due voci per interpretare, con gli strumenti critici di oggi, i fatti del ’17, quella di Marcello Flores e di Luciano Canfora. 
Si comincia lunedì 16 ottobre, ore 18.30 con La forza del mito. Marcello Flores, autore dell’omonimo libro Fetrinelli, ragiona sul ruolo e l’impatto della Rivoluzione d’ottobre nella storia, non solo d’Occidente.

Martedì 28 novembre, ore 18.30, l’appuntamento è Pensare la rivoluzione russa con Luciano Canfora, che nell’opera pubblicata per Stilo, traccia il percorso storico della Russia sovietica e poi capitalista, ma anche del resto del mondo, che ha ammirato, osservato, spiato, ripudiato, a volte anche riprodotto l’iniziativa del bolscevichi e la formidabile macchina che avevano costruito.

Aspettando la Rivoluzione, al Piccolo Coccia sono i reading con Daniele Bacci e Stefano Mascalchi, una produzione Venti Lucenti: due attori mettono in scena un viaggio storico e letterario in tre tappe su quel che accadde prima, durante e dopo la Rivoluzione.
Giovedì 26 ottobre, ore 17.30 è L’attesa. Quali suggestioni culturali hanno preparato il terreno alla Rivoluzione? Certamente, fra le altre, la Bibbia, l’Illuminismo e i grandi narratori russi. Giovedì 9 novembre, ore 17.30 è Voci dalla rivoluzione. Dal giornalista John Reed e scrittori come Victor Serge, Boris Pasternak e Michail Bulgakov, diversi sono gli sguardi sui fatti del ’17. Giovedì 16 novembre, ore 17.30 è Sarà una rivoluzione? Testimonianze e romanzi sull’involuzione del regime e sulla repressione del dissenso disegnano orizzonti totalitari come distopie.

Nel segno della rivoluzione è all’Istituto civico musicale Brera. Domenica 26 novembre, ore 18 il reading è Anna Achmatova: la donna, la poetessa, la Storia, con Marta Zotti, Federica Alloro e Stefano Paradisi, al pianoforte Piergiorgio Cargnino, testi e regia Paola Cignetti. Testi e poesie si intrecciano con immagini d’epoca e musiche al piano nel reading dedicato alla poetessa russa, testimone di avvenimenti cruciali che hanno cambiato il XX secolo e anche tragicamente segnato la sua esistenza e scrittura. A cura di Amici per la musica di Venaria.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>