Così Sergio Vedovato ricorda Enrico Nerviani. Il cordoglio della città

1 dicembre 2017, 14:53

Novara La morte di Enrico Nerviani ha indotto Sergio Vedovato, che con il personaggio scomparso oggi ha in comune un lungo percorso politico, su sponde opposte (nella prima parte) e poi insieme nel Pd (per un certo tempo) a ricordarne la figura attraverso ilvenerdiditribuna.

Tanti anni fa, giovane funzionario comunale, comunista, ho avuto l’onore di lavorare con Enrico, giovane assessore democristiano. Lo ricordo pieno di entusiasmo che guardava al futuro per migliorare la città e la vita dei novaresi. Quante iniziative nuove e quanto lavoro in quegli anni. Per me un periodo di arricchimento umano, di formazione professionale e l’inizio di un’amicizia.
Il suo impegno poi non è mai mancato in Consiglio Comunale e nei ruoli istituzionali Regionali e le nostre vicende politiche si sono spesso intrecciate rinnovando quell’antica amicizia.
Nella vita pubblica ha avuto le soddisfazioni e sofferto le amarezze di chi si mette in gioco con la passione civile che viene da una profonda cultura, da salde radici politiche e dall’amore per la propria comunità.
I suoi familiari, che soffrono oggi la sua mancanza, possono essere orgogliosi di ciò che ha fatto per Novara e per il Piemonte.

Cordoglio è stato espresso anche dal sindaco Alessandro Canelli: «Enrico Nerviani è stato una figura di riferimento per tutti coloro che hanno avuto e hanno la passione per la politica e la cosa pubblica. Le sue grandi capacità, le doti umane e la sua grande onestà intellettuale hanno caratterizzato gran parte della storia politica della nostra città ed è stato d’esempio a numerosi giovani amministratori. Un grande abbraccio affettuoso e condoglianze alla famiglia».

«La città di Novara – dichiarano i consiglieri comunali di “Io Novara Energie per l’Italia” Daniele Andretta e Pietro Gagliardi – perde  un uomo di grande spessore culturale e politico. Il professor Nerviani è stato, per anni, un solido punto di riferimento della vita amministrativa novarese e regionale e una figura centrale nell’ambito della cultura. Abbiamo avuto l’onore di sedere, insieme a lui, sui banchi del consiglio comunale: al di là delle diverse posizioni politiche, di Nerviani ricordiamo con grande commozione la correttezza e la compostezza con cui ha sempre fatto valere le proprie opinioni. Un esempio per tutti coloro impegnati in ruoli istituzionali. Una grave perdita per la nostra città e per il nostro territorio».

La diocesi di Novara si è unita al cordoglio di tutta la città per la scomparsa di Enrico Nerviani.

«La sua dedizione –per il bene comune e la cosa pubblica sono stati esemplari durante tutto il suo intenso e fecondo percorso di impegno politico, vissuto in uno stile fondato sulla capacità di dialogo e mediazione, senza mai derogare ai propri valori di fondo – afferma il vicario generale don Fausto Cossalter – Un impegno, il suo, in ascolto di quella carità politica che insegna ad incontrarsi con il bisogno e con la domanda dell’uomo, mettendola al centro della propria azione.

La diocesi lo ricorda in particolare per la sua attenzione, da assessore regionale, verso il patrimonio artistico ecclesiale, manifestato anche attraverso la legge regionale sui Sacri Monti da lui promossa, che ne ha permesso la conservazione e la valorizzazione.

La diocesi gli è riconoscente, inoltre, per essere stato vivace e attento commentatore, in una rubrica da lui curata sui settimanali diocesani – per molti anni appuntamento fisso per i lettori – dedicata alla lettura dei fatti politici della Regione. Un servizio che è stato riconosciuto con l’attribuzione dell’onorificenza di “Benemerito della Stampa Diocesana Novarese 2010”».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>