Cota: «Un referendum per l’autonomia del Piemonte»

7 ottobre 2017, 15:43

Novara roberto cota piemonte«Il referendum serve perché chi andrà a trattare con Roma abbia alle sue spalle la forza della sua gente – ha aggiunto – E’ vero che l’art 116 della Costituzione parla di accordo Stato-Regioni per una maggior attribuzione di competenze, ma non si parla minimamente di maggiori risorse. Ecco che se da un referendum arrivassero una valanga di voti favorevoli all’autonomia lo Stato non potrà far finta di niente. E’ un referendum previsto dalla Costituzione e dunque non temiamo certo che arrivi la polizia a manganellare: è successo a Barcellona ed è inaccettabile che venga picchiata gente che vuole solo manifestare il suo diritto al voto».

«Il federalismo è il futuro – ha concluso – E sarà anche la salvezza dell’Europa: un’Europa delle varie popolazioni e non degli Stati».

Cota è ritornato anche sul suo passato da presidente del Piemonte: «Sono convinto che se ci fosse un testa a testa fra me e Chiamparino per la presidenza della Regione Piemonte, alla fine risulterei vincitore io. Perché nei miei quattro anni di presidenza ho governato bene e perché Chiamparino è il prodotto del gruppo di potere torinese. E infatti non si preoccupa minimamente degli altri territori, Piemonte nord-orientale in particolare». «Sono stato abbattuto da un golpe – ha aggiunto – perché se ci sono irregolarità paga chi sbaglia, non si fa cadere un governo regionale. I piemontesi sono stati derubati del loro voto. Irregolarità, ben più gravi, ci sono state anche in una lista che ha sostenuto Chiamparino ma non mi pare che si segua la stessa strada presa con me. In più contro di me si è scatenata la battaglia mediatica per la storia delle mutande verdi. L’assoluzione è arrivata troppo tardi».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>