No agli sprechi, mostra alla Barriera Albertina

Da il 9 gennaio 2018

Novara “#noSPRECOpiùECO – La mostra” è il titolo dell’esposizione che sarà inaugurata alle 16 di sabato 20 e che sarà visitabile fino al 28 gennaio alla Barriera Albertina, per tutto il periodo della festa patronale di San Gaudenzio.

«La mostra – spiega l’assessore all’Istruzione Angelo Sante Bongo – rappresenta il momento conclusivo del progetto didattico “#noSPRECOpiùECO” dell’anno scolastico 2016-2017, nato dall’iniziativa di sensibilizzazione rispetto agli sprechi e al recupero dei rifiuti organizzata dal Nucleo di Didattica ambientale, unità operativa dell’assessorato all’Istruzione. E grazie alla disponibilità di alcuni partners istituzionali e non di forte rilievo, ovvero il Sian dell’Asl No, Assa, Acqua Novara Vco spa, Centro commerciale “San Martino” (che interviene anche con un sostegno di tipo economico, ndr), Novamont, Istituto storico della Resistenza “Piero Fornara”, Nutriziopoli, Banco Alimentare, Istituto “Ravizza” e mensa dei Frati Cappuccini del convento di San Nazzaro della Costa. Come si ricorderà a “#noSPRECOpiùECO” hanno partecipato diverse classi delle Scuole primarie di vari Istituti comprensivi novaresi: la I C della “Bellini”, la I C della “Boroli”, la I C della “Bottacchi”, la I C della “Duca d’Aosta”, la I C della “Levi Montalcini”, la I C della “Hack”, la I C della “Fornara Ossola” oltre a classi delle paritarie “Immacolata”, “Maria Ausiliatrice” e “San Vincenzo”. L’esposizione, che chiuderà il cerchio del lavoro svolto durante l’anno scolastico e che ha compreso lo spettacolo “Pinocchio – Storia di un burattino”, metterà i visitatori in condizione di visionare il vero e proprio “racconto” del progetto, che sarà quindi presentato dal 3 all’11 febbraio anche al Centro commerciale “San Martino” di via Porzio Giovanola, visitabile in orari di apertura del Centro. L’obiettivo che l’Amministrazione si è posta è quello di sensibilizzare le nuove generazioni a una cultura che educhi a limitare gli sprechi, soprattutto quelli di tipo alimentare, e per educare al risparmio delle risorse, al riutilizzo, al riciclo».

La mostra sarà aperta al pubblico il sabato e festivi dalle 16 alle 18 e da martedì a venerdì dalle 9.30 alle 11.30 e dalle 16 alle 18.