Di Carlo: «Dal mio Novara voglio furore agonistico»

Da il 7 febbraio 2018

Novara 11 di carloFurore agonistico: è questo il mantra del nuovo allenatore del Novara Calcio, Domenico Di Carlo. Un concetto che ha espresso più volte nel corso della conferenza stampa e forse un po’ quello che è mancato al Novara di Corini.

«Lo abbiamo scelto – ha detto il ds Domenico Teti – perché è un tecnico esperto, preparato, che ha già affrontato situazioni come quella in cui ci troviamo ora. C’è un contratto anche per l’anno prossimo a dimostrazione della grande fiducia reciproca».

E’ stato molto onesto, Di Carlo, nello spiegare perché a luglio aveva detto no al Novara e ora ha accettato le proposte della società azzurra: «Allora volevo provare a tornare in A, ma poi le varie opportunità non si sono concretizzate. Novara non è una scelta di ripiego, ma è il frutto della grande convinzione trasmessa dal ds Teti e dal mio entusiasmo immediatamente sbocciato per questa avventura».

Non è ancora il momento di parlare di modulo tattico («Probabilmente partiremo con la difesa a 3, magari cambiando qualcosa: se poi vedremo che altre soluzioni possono essere migliori, saremo pronti a modificare il tutto, ben consapevoli che questa squadra può giocare in vari modi») ma certamente di atteggiamento: «Voglio una squadra che corra, che sia aggressiva, che sia veloce: che abbia furore agonistico. In più, questi giocatori hanno anche grande qualità. Se sapremo coniugare i due aspetti, la salvezza sarà un obiettivo che non ci sfuggirà».

Con Di Carlo, ci sarà tutto il suo staff: il vice Claudio Valigi, il preparatore atletico Lorenzo Riela e l’analist Martino Sofia. Inoltre verrà ingaggiato anche un preparatore dei portieri.